L’ascolto in gravidanza

Ascoltare musica regala emozioni in ogni momento della vita, fa bene alla mente e al corpo specialmente durante la gravidanza.  

Durante il periodo prenatale il training pedagogico-musicale svolto con l’Orecchio Elettronico aiuta la mamma a ritrovare la fiducia e l’energia per affrontare gli ultimi mesi prima del parto. Le sedute d’ascolto possono iniziare alla fine del quinto mese seguendo un programma di tre cicli, il primo di 30 ore, 20 ore per il secondo e il terzo a intervalli di quattro settimane, fino ad arrivare a qualche decina di giorni prima del parto. Il training audio-psico-fonologico in caso di stress e ansia favorisce il benessere della mamma, ma soprattutto arricchisce la sua voce di frequenze acute e rafforza la postura rettilinea per favorire la massima diffusione della voce per conduzione ossea fino al bacino che funge da cassa di risonanza per il feto. In questo dialogo d’amore madre-figlio ciò che conta è l’intonazione!

Il feto ascolta sin dal quarto mese di vita intrauterina e inizia ad accumulare ricordi utili per la sua futura esperienza sensoriale postnatale. E’ durante la vita uterina, quando il feto gode di un orecchio “assoluto”, che secondo il dottor Tomatis si crea l’attitudine all’ascolto, il desiderio di comunicare, si crea quell’imprinting che ne “modella” l’orecchio e  il futuro linguaggio adulto.