L’applicazione del metodo

Il metodo Feuerstein si basa sulla teoria della Modificabilità Cognitiva Strutturale, cioè sulla capacità dell’individuo a sviluppare cambiamenti strutturali. Ogni struttura psicologica, ricca di componenti dinamiche, è collegata ad una varietà di altre caratteristiche della personalità e quando un’esperienza produce un primo cambiamento questo influenza le altre strutture coinvolte. Il prof. Feuerstein sostiene che l’individuo è modificabile, che le sue capacità mentali possono essere potenziate lungo tutta la vita sviluppando maggiori competenze cognitive, migliorando l’autostima e l’autonomia di una persona; un obiettivo particolarmente importante soprattutto in caso di carenze cognitive, ma per la realizzazione di tale processo è fondamentale il ruolo della pedagogia della mediazione. Nel metodo Feuerstein il ruolo del mediatore è indispensabile per creare un ambiente modificante e indirizzare la persona a un’attenta osservazione e decodifica delle implicite consegne presenti negli esercizi degli strumenti e stimolare le funzioni cognitive per condurre la mente alla ricerca di strategie risolutive di fronte a un problema e prendere coscienza dei propri processi cognitivi.

Il metodo Feuerstein è un opportunità per tutti, una risorsa particolarmente efficace in caso di difficoltà di apprendimento, dislessia e problemi di lettura, scarso rendimento scolastico, studenti immigrati e culture diverse, studenti con disabilità sensoriali, studenti normodotati, formazione professionale, programmi di riabilitazione neurologica, psichiatrica e per gli anziani.